logo Centro Yoga Vento d'Oriente
                     
Home page Vento d'Oriente
Chi siamo
Cosa facciamo
Rubriche
Testi di Yoga,Reiki e Ayurveda
Posizioni Yoga
Links
Orari e costi dei corsi di Yoga
News
Dove siamo
Contatti
 

FIORI DI BACH

I fiori di Bach prendono il nome da Edward Bach (1886-1936), medico inglese che proprio su di sé ne sperimentò l’efficacia dopo che gli fu diagnosticata una grave malattia e tre mesi di vita.
La floriterapia di Bach è un metodo semplice, applicabile a tutti, di grande armonizzazione energetica ai livelli più sottili. Nella floriterapia messa a punto da Bach non viene considerata la parte materiale della pianta (come accade in erboristeria) ma la sua parte energetica vibrazionale altamente benefica in grado di lenire i dolori più profondi dell’anima.
Il metodo si fonda sull’utilizzo di 38 rimedi naturali, derivati dai fiori, scelti non sulla base dei sintomi fisici ma degli stati d’animo negativi presenti in quel momento nell’individuo.
Per consentire l’innescarsi del processo di autoguarigione ciò richiede onestà da parte dell’individuo che li assume che dovrà sempre più prendere consapevolezza del proprio stato d’animo e accettarlo sfruttando la vibrazione energetica positiva dei fiori.
La preparazione dei fiori di Bach può essere affidata all’erboristeria o alla farmacia o fatta in casa. In quest’ultimo caso si può usare un flaconcino con pipetta di 30 ml e riempirlo di acqua distillata, poi aggiungervi due cucchiaini di brandy e due gocce di ogni fiore scelto.
L’assunzione prevede di instillare direttamente sulla lingua 4 gocce, 4 volte al giorno, fino alla guarigione. Negli stati acuti si può aumentare la frequenza anche ogni 10-15 minuti. E in situazioni di emergenza è consigliato sciogliere due gocce di ogni fiore in poca acqua e bere a piccoli sorsi a intervalli regolari.
L’ascolto di se stessi è fondamentale. Imparando a osservare le reazioni del corpo e della mente e quindi percependo eventuali miglioramenti si potrà variare l’assunzione o orientarsi su altri rimedi floreali.
I fiori non generano effetti collaterali e si integrano con terapie di ogni genere, in quanto agiscono su un piano diverso.

Bach scoprì i 38 rimedi in vari momenti: dapprima i 12 guaritori, poi i 4 aiutanti e poi gli altri 22 rimedi. E con questi ultimi ritenne conclusa la sua ricerca.
Quindi suddivise i fiori in sette gruppi secondo la disarmonia di base: Paura (Rock Rose, Mimulus, Cherry Plum, Aspen, Red Chestnut), Incertezza (Cerato, Scleranthus, Gentian, Gorse, Hornbeam, Wild Oat), Disinteresse per il presente Clematis, Honeysuckle, Wild Rose, Olive, White Chestnut, Mustard, Chestnut Bud), Solitudine (Water Violet, Impatiens, Heather), Ipersensibilità alle influenze altrui (Agrimony, Centaury, Walnut, Holly), Scoraggiamento e Disperazione (Larch, Pine, Elm, Sweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak, Crab Apple), Preoccupazione eccessiva per gli altri (Chicory, Vervain, Vine, Beech, Rock Water).
“Tra i miei rimedi troverete quelli che sono più adatti alle condizioni del momento: quelli per chi è afflitto da una continua incertezza e non sa mai ciò che vuole, quelli per chi si sente solo, per chi è troppo sensibile, per chi è depresso e così via. E senza grandi sforzi si impara a trovare il rimedio o i rimedi di cui si ha bisogno per guarire”. (E. Bach).


I Rimedi Floreali

Paura


Rock Rose (Eliantemo)– Il fiore dell’escalation
Dal panico all’eroismo.
Sintomi chiave: terrore, panico, paura acuta.
Affermazioni positive: “Ho il dominio della situazione, me la caverò, so che andrà tutto bene”.

Mimulus (Mimolo giallo)– Il fiore del coraggio
Dalla paura del mondo alla fiducia nel mondo.
Sintomi chiave: timidezza, paura del mondo.
Affermazioni positive: “Sono coraggioso, oso, progredisco”.
Cherry Plum (Susino asiatico)– Il fiore della distensione
Dall’eccessiva tensione al rilassamento.
Sintomi chiave: tensioni interne, tumulti emotivi, impulsi violenti, scoppi d’ira incontrollati, paura di lasciarsi andare, paura di perdere la ragione.
Affermazioni positive: “Io ho coraggio, mi apro, fluisco”.
Aspen (Pioppo tremulo)– Il fiore del presentimento
Da un cupo presentimento a una sensibilità cosciente.
Sintomo chiave: sensazioni infondate di paura e pericolo, stati di angoscia improvvisi, mania di persecuzione, paura della paura, presentimenti.
Affermazioni positive: “Sono protetto, sono centrato, sono forte”.
Red Chestnut (Ippocastano rosso)– Il fiore del distacco
Dalla simbiosi all’indipendenza.
Sintomi chiave: ansie e paure esagerate per la sorte di qualcun altro, legame interiore troppo stretto.
Affermazioni positive: “Sto con me stesso, resto con me stesso, io sono io e tu sei tu”.
Incertezza
Cerato (Cerato)– Il fiore dell’intuizione
Dall’incertezza di giudizio alla sicurezza interiore.
Sintomi chiave: scarsa fiducia nella propria capacità di giudizio, ricerca del consiglio altrui.
Affermazioni positive: “Ho fiducia in me stesso, seguo il mio intuito, decido da solo”.
Scleranthus (Centigrani)– Il fiore dell’equilibrio
Dal dissidio all’equilibrio interiore.
Sintomi chiave: indecisione per inquietudine interiore, oscillazione continua di opinioni e umori, scarsa concentrazione.
Affermazioni positive: “Sono costante, so quello che voglio, prendo le mie decisioni”.
Gentian (Genzianella autunnale)– Il fiore della fede
Dal dubbio alla fede.
Sintomi chiave: scetticismo, dubbio, pessimismo, scoramento.
Affermazioni positive: “Sono fiducioso, attendo un esito positivo, sono convinto che tutto si concluderà positivamente”.
Gorse (Ginestrone)– Il fiore della speranza
Dalla rinuncia all’azione.
Sintomi chiave: disperazione totale, rassegnazione, sensazione che la vita non abbia più senso.
Affermazioni positive: “Sono fiducioso, sono pieno di speranza, vedo nuove possibilità”.
Hornbeam (Carpino bianco)– Il fiore dell’energia interiore
Dal torpore dell’anima alla freschezza spirituale.
Sintomi chiave: stanchezza mentale e spirituale.
Affermazioni positive: “Mi sento carico di energia, sono pieno di slancio, lavoro volentieri”.
Wild Oat (Avena selvatica)– Il fiore della vocazione
Dal cercare al trovare.
Sintomi chiave: insoddisfazione, noia e frustrazione per progetti poco chiari con se stessi.
Affermazioni positive: “Vedo il senso, perseguo la meta, sono appagato”.

Disinteresse per il presente

Clematis (Vitalba)– Il fiore del realismo
Dalla fuga della realtà al senso della realtà.
Sintomi chiave: sogni ad occhi aperti, distrazione della mente, scarso interesse per il presente.
Affermazioni positive: “Sono sveglio, vedo chiaro, do forma”.
Honeysuckle (Caprifoglio)– Il fiore del passato
Dal passato al presente.
Sintomi chiave: nostalgia del passato, rimpianto, non accettazione della realtà del presente.
Affermazioni positive: “Io vivo oggi, guardo in avanti, faccio il prossimo passo”.
Wild Rose (Rosa canina)– Il fiore della voglia di vivere
Dall’annullamento di sé alla dedizione.
Sintomi chiave: assenza di partecipazione, apatia, rassegnazione, capitolazione interiore.
Affermazioni positive: “Voglio vivere, esigo di vivere, colgo le mie occasioni di vita”.
Olive (Ulivo)– Il fiore della rigenerazione
Dalla spossatezza alla fonte d’energia.
Sintomi chiave: profonda stanchezza interiore.
Affermazioni positive: “Sono tranquillo, sono fortificato, mi rigenero”.
White Chestnut (Ippocastano bianco)– Il fiore del pensiero
Dal caos mentale alla quiete interiore.
Sintomi chiave: rimuginare continuo della mente, dialogo interiore con se stessi.
Affermazioni positive: “Percepisco la calma, mi sento limpido, guido i miei pensieri”.
Mustard (Senape selvatica)– Il fiore della luce
Dalla sofferenza alla grandezza dell’anima.
Sintomi chiave: profonda malinconia che va e viene improvvisamente senza una causa apparente.
Affermazioni positive: “Sono leggero, sono sereno, vado verso la luce”.
Chestnut Bud (Gemme di ippocastano)– Il fiore dell’apprendimento
Dalla spensieratezza all’esperienza.
Sintomi chiave: ripetizione degli stessi errori, senza imparare da essi.
Affermazioni positive: “Io osservo, io ascolto, io apprendo”.

Solitudine

Water Violet (Violetta d’acqua) – Il fiore della comunicazione
Dall’isolamento all’integrazione.
Sintomi chiave: riservatezza interiore, fuga dai conflitti emotivi, difficoltà ad inserirsi, imbarazzo, orgoglio, superiorità isolata.
Affermazioni positive: “Appartengo al mondo, partecipo, lascio che gli altri si accostino a me”.
Impatiens (Non mi toccare)– Il fiore del tempo
Dall’impazienza alla pazienza.
Sintomi chiave: impazienza, agitazione interiore, irritabilità, reazioni eccessive.
Affermazioni positive: “Mi prendo tempo, sono paziente, mi distendo”.
Heather (Brentolo o Brugo)– Il fiore del’identità
Dal bambino bisognoso all’adulto comprensivo.
Sintomi chiave: egocentrismo, bisogno di attenzione.
Affermazioni positive: “Mi sento protetto, ricevo tutto ciò di cui ho bisogno, curo e custodisco”.

Ipersensibilita' alle influenze altrui

Agrimony (Agrimonia)– Il fiore dell’onestà
Dall’armonia apparente alla pace interiore.
Sintomo chiave: paura del confronto, tendenza a nascondere i pensieri tormentosi e l’inquietudine interiore dietro una facciata di allegria e spensieratezza.
Affermazioni: “Sento la pace, sono onesto, mi faccio conoscere”.
Centaury (Centaurea)– Il fiore della disponibilità
Dal servilismo passivo al servizio attivo.
Sintomi chiave: difficoltà ad imporsi e a dire di no, disistima, sacrificio di sé a favore dei desideri altrui.
Affermazioni positive: “Mi prendo la responsabilità, sono chi sono, voglio ciò che voglio”.
Walnut (Noce)– Il fiore della rinascita
Dall’influenzabilità alla saldezza interiore.
Sintomi chiave: insicurezza, suggestionabilità, incostanza soprattutto all’inizio di una nuova fase della vita.
Affermazioni positive: “Sono sicuro di me, resto fedele a me stesso, vado per la mia strada”.
Holly (Agrifoglio)– Il fiore dell’amore universale
Dalla durezza d’animo alla generosità.
Sintomi chiave: collera, ira, sentimenti di odio e invidia, gelosia.
Affermazioni positive: “Sono pieno di gioia, sono sano, amo”.

Scoraggiamento e disperazione

Larch (Larice)– Il fiore della fiducia in se stessi
Dall’autolimitazione allo sviluppo di se stessi.
Sintomi chiave: previsione di insuccesso per mancanza di fiducia in se stessi, complessi di inferiorità.
Affermazioni positive: “Posso farlo, lo voglio, lo faccio”.
Pine (Pino silvestre)– Il fiore dell’accettazione di se stessi
Dall’autosvalutazione al rispetto di sé.
Sintomi chiave: sensi di colpa eccessivi o ingiustificati, autocritica esasperata, mancanza di coraggio.
Affermazioni positive: “Mi è concesso, io mi perdono, sono stato liberato”.
Elm (Olmo inglese)– Il fiore della responsabilità
Dall’autosvalutazione alla fiducia in se stessi.
Sintomi chiave: sensazione di non essere all’altezza del proprio compito o delle proprie responsabilità, scoraggiamento.
Affermazioni positive: “Faccio quello che posso, riceverò l’aiuto necessario, posso farcela”.
Sweet Chestnut (Castagno dolce)– Il fiore della liberazione
Attraverso l’oscurità fino alla luce.
Sintomi chiave: disperazione profonda, impressione di aver raggiunto il limite della sopportazione umana, sensazione di non avere vie d’uscita.
Affermazioni positive: “Levo lo sguardo al cielo, acconsento, lascio che accada”.
Star of Bethlehem (Latte di gallina)– Il fiore del conforto
Dallo shock all’assestamento.
Sintomi chiave: shock fisici, mentali e spirituali antichi o recenti.
Affermazioni positive: Io sento, io respiro, io vivo”.
Willow (Salice giallo)– Il fiore del destino
Dal fatalismo alla responsabilità.
Sintomi chiave: sensazione di essere vittima del destino, amarezza, impotenza, rabbia interiore.
Affermazioni positive: Ho il potere, ho la forza, mi assumo la responsabilità”.
Oak (Quercia)– Il fiore della perseveranza
Dal lottatore implacabile al guerriero della pace.
Sintomi chiave: eccessivo senso del dovere, abuso delle proprie forze sino allo sfinimento ignorando il proprio naturale bisogno di riposo.
Affermazioni positive: “Allento le redini, ce la faccio senza fatica, mi sento libero”.
Crab Apple (Melo selvatico)– Il fiore della purificazione
Dall’ordine coatto all’ordine interiore.
Sintomi chiave: eccessivo senso dell’ordine, ricerca della pulizia interiore ed esteriore.
Affermazioni positive: “Mi sento bene, mi accetto come sono, vedo quello che è importante”.

Preoccupazione eccessiva per gli altri

Chicory (Cicoria selvatica)– Il fiore della relazione
Dall’amore esigente all’amore indulgente.
Sintomi chiave: personalità possessiva sul piano emotivo, tendenza ad intromettersi e a manipolare gli altri, sensazione di essere poco apprezzati ed amati, autocommiserazione, incolpare gli altri.
Affermazione positiva: “Dono volentieri, attingo alla fonte, mi sento amato”.
   
Vervain (Verbena) – Il fiore dell’entusiasmo
Dal rivoluzionario al riformatore.
Sintomi chiave: vocazione missionaria sino al fanatismo.
Affermazioni positive: “Allento la presa, do spazio, riconosco la giusta misura”.
Vine (Vite)– Il fiore dell’autorità
Guidare e lasciarsi guidare.
Sintomi chiave: ambizione, dominio, tirannia.
Affermazioni positive: “Mi immedesimo, rispetto, apprezzo e sostengo”.

Beech (Faggio)– Il fiore della tolleranza
Dalla saccenteria alla comprensione.
Sintomo chiave: eccessivo senso critico, pregiudizio, intolleranza.
Affermazioni positive: “Io accetto, vado incontro agli altri, vedo le possibilità di evoluzione”.
Rock Water (Acqua di Roccia)– Il fiore della flessibilità
Dalla sicurezza dogmatica all’attenzione.
Sintomi chiave: tendenza al perfezionismo, rigida autodisciplina, autolesionismo, esigenze represse.
Affermazioni positive: “Mi concedo, sono duttile, sono spontaneo”.

Le Combinazioni Floreali

Anche se la floriterapia è una terapia fortemente individuale vi sono combinazioni di rimedi considerate particolarmente efficaci nella maggioranza dei casi.
Innanzitutto Rescue Remedy è la combinazione di 6 rimedi (Star of Bethlehem, Rock Rose, Impatiens, Cherry Plum, Clematis) lasciataci proprio da Edward Bach come pronto soccorso per tutte quelle SITUAZIONI DI EMERGENZA e SHOCK.
Altre combinazioni consigliate in situazioni specifiche:
In caso di ESAMI: Chestnut Bud, Clemantis, Elm, Gentian, Larch.
In caso di MAL DI MARE O AUTO: Rescue Remedy, Scleranthus.
In caso di ASSISTENZA A MALATI: Crab Apple, Impatiens, Vervain, Walnut.
In caso di DECISIONI IMPORTANTI: Cerato, Elm, Scleranthus, Will Oat.
In caso di DIETE: Elm, Impatiens, Walnut, Wild Oat.

Vento d'Oriente, Centro Yoga Roma
 
ultimo aggiornamento
e-mail: sirived@libero.it