logo Centro Yoga Vento d'Oriente
                     
Home page Vento d'Oriente
Chi siamo
Cosa facciamo
Rubriche
Testi di Yoga,Reiki e Ayurveda
Posizioni Yoga
Links
Orari e costi dei corsi di Yoga
News
Dove siamo
Contatti
 

ASTROLOGIA VEDICA

L’Astrologia Vedica risale ai testi indiani più antichi, appunto i Veda. Essa fa parte di una delle 6 membra dei Veda (Vedanga). In particolare del Jyotish Vedanga che comprende la scienza dell’astrologia e dell’astronomia. Parasara Muni è considerato il padre fondatore dell’Astrologia Vedica. Essa è praticata in India da migliaia di anni. Jyotish significa luce interiore. Essa è lo studio delle reazioni dell’uomo alle onde di luce che emanano dai pianeti e dalle stelle. La sua caratteristica, ed è qui la differenza sostanziale con l’astrologia occidentale, è di essere intimamente legata al concetto di karma, la legge di causa ed effetto che lega l’uomo alle conseguenze delle sue azioni e lo vincola al ciclo delle rinascite (samsara). Come dice Yogananda “l’oroscopo vedico rivela il nostro inalterabile passato e i suoi probabili risultati futuri”. Essa ci indica la via per superare i nostri modelli karmici e andare verso la liberazione.
Nel suo libro Autobiografia di uno Yoghi al capitolo XVI Paramahansa Yogananda riporta una conversazione con il suo maestro spirituale, Swami Sri Yukteswar, anche astrologo provetto:

“L’astrologia è lo studio delle reazioni dell’uomo agli stimoli planetari. Le stelle non hanno alcuna benevolenza o animosità cosciente; emettono solo radiazioni positive o negative. Queste, per se stesse, non aiutano, né danneggiano l’umanità, ma sono il mezzo esteriore che permette alla legge karmica di causa ed effetto che ogni uomo ha messo in moto nel passato, di esplicare la sua azione equilibratrice.
Un bimbo nasce nel giorno e nell’ora in cui i raggi celesti si trovano in armonia matematica con il suo karma individuale. Il suo oroscopo è un ritratto accusatore che rivela il suo inalterabile passato ed i suoi probabili risultati futuri. Ma questo certificato di nascita può essere interpretato esattamente solo da uomini dotati di saggezza intuitiva; e sono pochi.
Il messaggio arditamente proclamato attraverso i cieli al momento della nascita non va inteso nel senso di dare un’importanza strettamente determinante al fato, cioè al risultato del bene e del male compiuti nel passato, ma al contrario deve risvegliare la volontà dell’uomo di sottrarsi al suo asservimento. Ciò che egli ha fatto, egli stesso può disfarlo. Nessuno all’infuori di lui ha promosso quelle cause che determinano gli effetti dominanti della sua vita attuale. Egli può superare ogni limitazione, perché egli stesso la creò con i suoi atti, e perché è in possesso di risorse spirituali non soggette alle pressioni planetarie.
Un superstizioso timore riverenziale dell’astrologia rende l’uomo un automa, schiavo della propria sottomissione ad una guida meccanica. L’uomo saggio vince i propri pianeti, e cioè il proprio passato, assoggettandosi, invece che alla creazione, al Creatore. Più egli si rende conto della sua unità con lo Spirito, meno potrà essere dominato dalla materia. L’anima è sempre libera; non ha fine perché non ha principio. Non può essere soggiogata dalle stelle.
L’uomo è un’anima ed ha un corpo. Quando ha giustamente collocato il proprio senso di identità, si lascia alle spalle ogni condizionamento cattivante. Fin quando resta nel suo confuso stato di amnesia spirituale che gli è solito, sarà incatenato alla legge che lo circonda.
Dio è armonia; il devoto che s’intona ad essa non compirà mai un’azione sbagliata; le sue attività si accorderanno sempre in modo giusto e naturale al ritmo della legge astrologica. Dopo aver pregato e meditato profondamente, egli sarà in contatto con la propria coscienza divina; non c’è potere più grande di questa protezione interiore”.

Lo zodiaco indù, di forma quadrata e non circolare, è suddiviso in dodici segni (Rasi) uguali a quelli occidentali. Esso però segue sistemi di calcolo siderali, differenti rispetto a quelli occidentali. Cosicché il segno zodiacale di una persona in base all’oroscopo vedico verrà anticipato quasi di un segno rispetto a quello che risulterebbe dall’oroscopo occidentale.
I signori dei segni sono i sette pianeti principali, escludendo Urano, Nettuno e Plutone. Inoltre gli indù attribuiscono grande importanza ai nodi lunari, RAHU (nodo nord) e KETU (nodo sud), che però non governano alcun segno.
Il sistema delle case, poi, è molto semplice. La casa che ospita l'ascendente è ovviamente considerata la prima casa mentre le successive seguono in senso orario l'ordine dei segni.

 

I PIANETI

L’astrologia indù classifica i pianeti in benefici (Giove, Venere, Mercurio e Luna) e malefici (Sole, Marte, Saturno, Rahu e Ketu).


Il Sole (Surya)
"Il Sole ha occhi gialli che dispensano miele, il suo corpo è quadrato; egli è puro, di costituzione biliosa, intelligente, maschile e tende alla calvizie". (Parashari)
Nell’oroscopo vedico il Sole indica il nostro Sé, la nostra divinità, la nostra luce interiore. A livello superiore rappresenta la nostra anima che ricerca la verità. A livello più basso l’ego che segue gli impulsi all’affermazione del proprio potere personale. In termini di rapporti familiari rappresenta il padre. In senso generale è l’autorità (anche spirituale o guru) e i valori in cui di identifichiamo.
Un Sole ben collocato dona intelligenza, volontà, carattere, tenacia, vigore, vitalità, coraggio, convinzione, sicurezza, attitudine al comando, indipendenza, franchezza.

La Luna (Chandra)
"La Luna è intuitiva ed ha un corpo rotondo, la sua costituzione è di acqua e di aria; ha un’espressione luminosa ed un parlare dolce, è mutevole e soggetta a cambiamenti di umore". (Parashari)
Come il Sole rappresenta la forza cosmica maschile, la Luna rappresenta la forza cosmica femminile. Il Sole è lo Spirito e la Luna è la forza creatrice che diventa materia. Il Sole è il padre divino e la Luna è la madre divina. Il Sole governa il fuoco e la luna domina l’acqua. Il Sole è l’anima e la Luna è la mente subcosciente. Il Sole rappresenta chi siamo dentro e la Luna come ci rapportiamo agli altri. Il Sole sta da solo e la Luna è amica di tutti. Il Sole rappresenta il presente ed il futuro e la Luna il nostro passato. A livello superiore è la mente sottile con i processi del pensare, sentire e volere. A livello più basso la nostra vulnerabilità. In termini di rapporti umani rappresenta la madre.
Una Luna forte mostra sensibilità, flessibilità, ricettività, attitudine materna, cura degli altri, maturità emotiva, senso di responsabilità, potere sociale.
La Luna è l'elemento più importante dell'oroscopo indù insieme all'ascendente.
Marte (Kuja)
"Marte è crudele, ha occhi rosso sangue e cattive maniere, tuttavia è generoso; ha una costituzione biliosa, è incline alla collera ed ha una vita ed un corpo sottili". (Parashari)
Marte è il grande pianeta dell’energia. Mentre Venere governa le emozioni che ci arrivano, Marte governa le emozioni che esterniamo. Marte è maschio e Venere è femmina e rappresentano il lato negativo e positivo del nostro sentire. Venere è sensibilità emotiva che può diventare raffinatezza, mentre Marte è eccitabilità emotiva che può diventare violenza. Marte e Venere sono i pianeti della sessualità e tramite essi possiamo leggere i rapporti tra i sessi. Marte può dare capacità di intuizione e di ricerca sia sul piano interiore che esteriore.
Un buon Marte dà energia, volontà, determinazione, sicurezza, direzione al pari del Sole. In combinazione con Giove, lato positivo di Marte, dona la capacità di compiere grandi imprese nella vita in armonia con la legge e la verità.
La differenza con l'astrologia occidentale sta nel suo essere significatore dei fratelli e sorelle nonché delle proprietà immobiliari.

Mercurio (Budha)
"Mercurio è bellissimo, è arguto, ama gli scherzi e le risate, è colto. Assume la natura e la costituzione dei pianeti con i quali è associato”. (Parashari)
Mercurio è il grande messaggero degli dei. Esso rappresenta l’intelligenza. Mentre la Luna è la mente subcosciente, Mercurio è a livello inferiore la mente razionale cosciente che però può diventare mente discriminante ai livelli superiori. E’ il pianeta della parola, della comunicazione e del commercio. Esso indica la condizione dell’infanzia in generale.
Un Mercurio forte dona memoria, capacità di apprendere, temperamento artistico, buonumore..
Mercurio è il più mobile dei pianeti e quindi assume facilmente la natura dei pianeti con cui è associato, nel bene e nel male.

Giove (Guru)
"Giove ha grandi membra, è pesante, ha capelli ed occhi gialli; la sua costituzione è flemmatica, è intelligente e conosce tutti i rami del sapere”. (Parashari)
Giove è il pianeta più benefico e generoso. Esso rappresenta il nostro dharma, i principi di verità che ci guidano nella vita, l’intelligenza universale. E’ il pianeta della creatività, in India è il significatore dei figli e del marito nell’oroscopo della donna. Esso ci indica la strada per la nostra realizzazione personale. Mentre Saturno porta contrazione e ostacoli, Giove porta espansività e gioia e fortuna.
Un Giove forte dona ricchezza, abbondanza, prosperità e successo. E’ come avere la vita e l’universo dalla nostra parte. In India rappresenta il buon karma.

Venere (Sukra)
"Venere ha uno spirito gioioso, un corpo stupendo, è splendente ed ha occhi meravigliosi; è la musa dei poeti, la sua costituzione è di acqua e aria ed ha capelli ondulati”. (Parashari)
Venere è il pianeta dell’amore, della bellezza, dell’affettività e dell’armonia. Nella carta dell’uomo indica la moglie o l’amante. Essa dona il senso estetico, il senso dell’arte, della poesia, della pittura, della musica e della danza. Indica sensibilità, raffinatezza e gentilezza. A livello inferiore mostra la nostra ricerca di piacere, comfort e lusso. A livello più alto l’amore per la verità.
Una forte Venere porta potenza sessuale che a livello interiore può essere trasformata in potere spirituale, può dare carisma e una potente personalità. E' il significatore degli affari di cuore e matrimoniali.
Saturno (Sani)
"Saturno ha una forma alta e sottile, ha gli occhi gialli ed è di costituzione aria; ha grandi denti, è pigro, zoppo ed ha i capelli ruvidi”. (Parashari)
Saturno è il più temuto dei pianeti. Esso ha un effetto quasi eclissante sul Sole e sulla Luna; mentre Mercurio e Venere possono ingentilirlo di molto, solo Giove ha il potere di soggiogarne l’influenza. Come Giove eleva Saturno, Saturno dona a Giove un maggiore distacco ed una percezione più obiettiva. Giove porta creazione ed espansione e Saturno contrazione e distruzione. Giove dona gioia e Saturno sfortuna e dolore. Saturno simboleggia la morte, la malattia, la povertà, la separazione, la perversione. A livello superiore rappresenta la disciplina, l’ascetismo e la solitudine. Gli indiani gli attribuiscono il cattivo Karma e il destino duro e avverso. Ma Saturno è anche la sofferenza che ci fa crescere interiormente.
Un Saturno forte e ben collocato è necessario per la vita spirituale. E' il significatore della longevità.
Rahu e Ketu
"Rahu produce fumo, ha un corpo scuro, risiede nelle foreste e genera paura; è di costituzione aria. Ketu è simile a Rahu". (Parashari)
I nodi lunari sono considerati pianeti ombra perché non hanno una consistenza fisica. Sono molto potenti. Rahu ha il potere di eclissare la Luna e Ketu il Sole. Rahu si dice simile a Saturno e Ketu a Marte. I nodi hanno una forza malefica più sottile, più psichica e più difficile da neutralizzare di quella dei due malefici principali. Tra i due Rahu è considerato il più malefico. Rahu è all’origine dei disturbi nervosi, psicologici ed emotivi, della tossicodipendenza, alcoolismo e delle malattie misteriose come il cancro, le depressioni mentali.. Ketu crea agitazione, dubbio, rabbia, ambizione, ostinazione, visione critica.. D'altro canto, Rahu può elargire popolarità, prestigio, fama e potere. Ketu può donare poteri psichici, saggezza ed illuminazione.

Gli elementi più importanti dell'oroscopo vedico sono l'Ascendente e il segno lunare (al segno solare viene attribuita invece scarsa importanza).

LE CASE

I casa (casa del corpo)
Determina il nostro aspetto fisico ed il carattere e, più in generale, la nostra direzione nella vita. E’ la casa della nascita, che mostra la nostra origine. Indica anche come ci rapportiamo a livello pubblico e la nostra realizzazione nella vita.

II casa (casa delle finanze)
Determina la nostra capacità di guadagno e di provvedere a noi stessi nella vita. Mostra la nostra capacità di comunicazione e di scambio nel campo materiale, sociale e mentale.

III casa (casa dei fratelli)
Determina le relazioni con i fratelli, amici, compagni. Mostra il nostro coraggio, determinazione e tenacia. Indica i nostri interessi.

IV casa (casa della felicità e del benessere)
Indica la nostra casa ed il nostro ambiente. E’ collegato alla madre ed alla situazione familiare. Mostra la nostra natura emozionale, il cuore e i sentimenti. Indica il nostro senso estetico e il potenziale artistico. Si riferisce anche alla capacità di acquisire proprietà, veicoli.. nonché alla nostra popolarità.

V casa (casa dei figli)
Mostra la nostra capacità di avere figli e le relazioni con loro. Indica la nostra creatività in generale. In particolare misura il nostro livello di intelligenza, la capacità di dare buoni consigli, la nostra devozione. Mostra cosa amiamo fare e la nostra capacità di guadagno.

VI casa (casa dei nemici e della malattia)
Indica opposizione, difficoltà ed ostacoli nella vita. Mostra disturbi fisici, incidenti, furti, cause legali, sforzi. Indica il nostro rapporto con stranieri o con parenti lontani. Riguarda anche il nostro servizio agli altri, la nostra inclinazione all’abnegazione.

VII casa (casa della moglie o del marito)
Mostra il nostro matrimonio, il rapporto uomo-donna, la relazione lunga ed impegnata, l’amore e la passione. Come la Prima casa (Ascendente) rappresenta il Sé, così la Settima casa (Discendente) rappresenta l’Altro che ci completa. Indica l’associazione in generale e la nostra capacità di influenzare gli altri.

VIII casa (casa della morte)
Indica distruzione. Può rappresentare malattie croniche gravi o ferite che portano alla morte come pure le persone che potremmo perdere a causa della morte. Indica la ricchezza che si può acquisire per eredità o lasciti. Rappresenta gli studi occulti, la filosofia, il pensiero profondo, l’invenzione. Può evidenziare il genio. Qui si vedono anche droghe, prostituzione ed il potere di manipolare gli altri. Indica la nostra vita , mostrando la natura della nostra morte.

IX casa (casa della fortuna)
Mostra i valori e gli ideali che abbiamo nella vita. E’ collegata al padre, alle nostre guide (guru). Può donare guadagni improvvisi ed inattesi. Dona grazie e fortuna. Dà onore, prestigio e potere nella vita.

X casa (casa delle attività)
Indica il successo nella carriera e l’effetto delle nostre azioni sul mondo. Può renderci inclini alla politica o mondani. Indica se il nostro karma è buono o cattivo. Un karma positivo può indicare pellegrinaggi e opere di carità.

XI casa (casa dei guadagni e dei profitti)
Mostra tutto ciò che possiamo possedere in abbondanza e ciò che ci fa accrescere. Può indicare l’eventuale realizzazione di ideali e desideri. Rappresenta le sorelle e fratelli maggiori.

XII casa (casa delle spese e delle perdite)
Indica le perdite materiali, la delusione, la rassegnazione, l’avversità. Rappresenta il passato. Può significare colpa, rimpianto, sofferenza e dolore. Ma indica anche come negazione della vita, la liberazione, il rinnegamento dell’ego attraverso la rinuncia e l’abbandono. Favorisce l’isolamento e la meditazione.

Vento d'Oriente, Centro Yoga Roma
 
ultimo aggiornamento
e-mail: sirived@libero.it